Nella Villa Comunale si trova la statua dedicata a Carlo Pisacane, opera in marmo raffigurante il patriota italiano, eroe della spedizione dei trecento. Il monumento è stato creato dallo scultore Gennaro Cali nel 1864.

Nel 1857 (solo tre anni prima della spedizione dei Mille dei Garibaldi) Carlo Pisacane pensa che è il momento giusto per liberare il Sud Italia dalla monarchia borbonica. Con una ventina di compagni si imbarca sulla nave Genova-Tunisi. Durante la notte prende il possesso della barca e aspetta rinforzi e armi che devono passare attraverso il suo amico Rosolino Pilo. Purtroppo, Rosolino non riesce nell'impresa e Carlo Pisacane è solo, con alcuni compagni e senza armi. Decide di continuare lo stesso la sua azione.

Arriva all'isola di Ponza, dove c'è un carcere borbonico. Attacca il carcere e libera circa 300 prigionieri, impossessandosi delle armi dei soldati. Con questi 300 uomini si reca a sud e arriva a Sapri dove spera di liberare il popolo.

carlo pisacane

Nel frattempo, i Borboni avevano già avvertito i contadini della zona sul fatto che un gruppo di banditi fuggiti dal carcere stava per invadere il paese. Così i contadini, armati di bastoni e forconi attaccano gli uomini di Carlo Pisacane, massacrando quasi tutti. Lo stesso Pisacane è costretto a fuggire, ma circondato e minacciato da quegli italiani egli stesso voleva liberare, non può fare altro che suicidarsi.

  • Luogo: Salerno
  • Quartiere: Centro
  • Entrata: Via Roma, Via Lungomare Trieste, Traversa D'Agostino
Orario d'apertura
Da Novembre a Marzo08:00 - 20:00
Da Aprile a Ottobre08:00 - 24:00
NOTA: L'ingresso è consentito fino a 30 minuti prima della chiusura.

Su questo sito web è attivo l'utilizzo dei cookie. Usando il nostro sito accetti la nostra policy e dai il consenso all'utilizzo dei cookie.