Il palazzo Fruscione è situato nella parte più antica del centro storico di Salerno, nei pressi dell'antica strada dei canali della Salerno romana. La costruzione, iniziata nel XIII secolo, si basa in parte sulle rovine di un complesso termale di epoca imperiale, e si trova vicino alla corte antica arechiana. Il suo proprietario è stato probabilmente il medico salernitano Giovanni da Procida.

palazzo fruscione

La sua posizione nel passato ha portato a ipotizzare l'errata identificazione con la residenza del duca Arechi II. Questa tesi era infondata perché il Chronicon Salernitanum colloca la cappella palatina di San Pietro a Corte, nel nord del palazzo di Arechi: Palazzo Fruscione, invece, si trova a nord della suddetta chiesa.

Alcuni studiosi lo ritennero la reggia arechiana, altri un semplice edificio di pregio di età medioevale e altri ancora un rifacimento di epoca sveva del palazzo di Arechi II. Al 1738 risale un documento notarile che descrive l'edificio, dal documento si evince che palazzo Fruscione non era sede di civili abitazioni ma una "casa di alloggiamento" e da ciò si spiegano le numerose stalle situate al piano terra.

Duranti i lavori di restauro degli anni '10 del XXI secolo sono state rinvenute tracce di muratura che rinviano ad un complesso termale d'epoca imperiale, dei mosaici e degli affreschi del II secolo. L'ambiente con il mosaico, le cui pareti sono ricoperte da decorazione in rilievo di stucchi e dipinti, apparteneva alle terme romane costruite tra il primo e il secondo secolo dC, identificati nel parco del palazzo posto nel sud del palazzo Fruscione. Tracce di tre seguenti restauri del mosaico fanno capire che i bagni erano popolari fino alla metà del V secolo. All'interno dello scavo sono stati trovati due tombe che hanno restituito i resti umani di due maschi adulti di età compresa tra i 30 e i 40 anni.

Largo San Pietro a Corte / vicolo Barbuti (Salerno)

Su questo sito web è attivo l'utilizzo dei cookie. Usando il nostro sito accetti la nostra policy e dai il consenso all'utilizzo dei cookie.