Dettagli

museo della carta

Il museo della carta di Amalfi, è un'ex-cartiera trasformata in museo nel 1969. Il museo, situato nella valle dei Mulini ospita i macchinari e le attrezzature, opportunamente restaurati e perfettamente funzionanti, impiegati nell'antica cartiera per realizzare la carta a mano. Tra le prime città in cui è stata scoperta nei secoli XII e XIII l'esistenza della carta, vi sono i territori delle Repubbliche Marinare: Amalfi, Pisa, Genova e Venezia che avevano magazzini, sia in Siria, sia sulla costa della Palestina, dove erano ubicati i maggiori centri per la produzione di carta.

Le repubbliche Marinare: Amalfi e la scoperta della Carta

Queste Repubbliche, inoltre, intrattenevano intensi rapporti commerciali con l’oriente e avrebbero potuto quindi imparare l’arte di fabbricare carta senza difficoltà, oppure non è da escludere che a bordo delle “galee”, che in epoca medievale facevano la spola tra le coste italiane e la Terra Santa per trasportare crociati e mercanzie, si siano imbarcati “Magistri in arte cartarum” i quali come mano d’opera specializzata abbiano introdotto tale tipo di lavorazione. Amalfi è la più antica delle Repubbliche Marinare e a partire dal IX secolo aveva già i suoi magazzini a Palermo e Messina e Siracusa, dove l'Amalfitania è ancora presente nella toponomastica locale. Secolare rimane la questione sul primato della carta in Italia e poi in Europa e a contenderselo principalmente vi sono Amalfi e Fabriano.

La "Fondazione Museo della Carta" ha sempre lavorato per diffondere, divulgare e documentare ciò che riguarda l'arte di fabbricare la carta a mano ad Amalfi. Tutto questo è possibile grazie al lavoro del suo fondatore: Nicola Milano. Egli fu costretto però a chiudere la cartiera, a causa degli alti costi derivanti principalmente dalla mancanza di trasporti di collegamento stradale. L'ultima fu chiusa nel 1969 e poi donata alla nascente Fondazione, da lui fortemente voluta e commissionata nel mese di novembre del 1971, che avrebbe dovuto gestire la grande idea: il "Museo della Carta di Amalfi".
Idea che attraverso molti problemi e vicissitudini oggi è arrivata ad essere una realtà concreta e interessante ai fini della conservazione del patrimonio storico e il recupero di arti antiche come la fabbricazione di carta fatta a mano.

Via delle Cartiere, 23 Amalfi SA
+39 089.8304561
Biglietto: €4(adulti) | €2.50(studenti) | 3.50€(over 70 e gruppi +10)
Orario d'apertura da Marzo a Ottobre
Lunedì10:00-18:30
Martedì10:00-18:30
Mercoledì10:00-18:30
Giovedì10:00-18:30
Venerdì10:00-18:30
Sabato10:00-18:30
Domenica10:00-18:30
Orario d'apertura da Novembre a Febbraio
Lunedìchiuso
Martedì10:00-15:30
Mercoledì10:00-15:30
Giovedì10:00-15:30
Venerdì10:00-15:30
Sabato10:00-15:30
Domenica10:00-15:30

You may also like ♥

Su questo sito web è attivo l'utilizzo dei cookie. Usando il nostro sito accetti la nostra policy e dai il consenso all'utilizzo dei cookie.