Dettagli

Il Complesso Monumentale di San Pietro a Corte è la costruzione longobarda più importante a Salerno. I resti monumentali rappresentano le principali emergenze architettoniche della Salerno medievale e per quanto riguarda l'architettura longobarda in Europa, sono l'unico esempio di un complesso edilizio. Era la sede più prestigiosa della Corte longobarda in Campania.

san pietro a corte

Nel 774 dC, dopo la discesa di Carlo Magno a Pavia, la resa di Desiderio e la conseguente fine della Longobardia Maior, Arechi II, duca di Benevento si autoproclamò princeps gentis longobardorum dichiarandosi di fatto ultimo baluardo delle genti longobarde nella penisola. La nuova corte tuttavia aveva bisogno di una città ben fortificata e capace di difendersi dalle continue minacce sia da parte di Carlo Magno che dei Bizantini. Salerno ben si prestava a questo ruolo: era sita sul mare, protetta alle spalle dai monti e dotata di un ottimo sistema difensivo con una solida cinta muraria romana perfezionata dai bizantini. Ciò che rimane del palazzo arechiano sono gli archi, i capitelli e le colonne disseminati negli edifici che hanno inglobato il complesso, e che richiamano lo stile dell'architettura romanica frammentaria, presentando analogie con la chiesa di Santa Sofia di Benevento, costruita dallo stesso principe. L'unico ambiente superstite della residenza è l'aula settentrionale, costruita sulle preesitenti terme romane. Quando Arechi decise di fare erigere la reggia, il piano stradale risultava rialzato rispetto al livello del luogo di culto paleocristiano e delle terme, probabilmente a causa di una nuova alluvione.

Attualmente il Complesso monumentale di San Pietro a Corte è gestito dal Gruppo Archeologico Salernitano che l’ha avuto in affidamento a seguito di un’apposita convenzione stipulata con il Ministero per i beni e le attività culturali - Soprintendenze B.A.P. e B.A.S. di Salerno e Avellino.

Il Complesso rientra nel progetto del Comune di Salerno “Monumenti sempre aperti”:si effettuano sia visite guidate gratuite a cura dei soci del Gruppo Archeologico Salernitano che accompagnamenti ad altri info-point facenti parte del progetto (Giardini della Minerva - chiesa di San Salvatore de Fundaco) per le visite ad altri monumenti inseriti nel circuito culturale del progetto.

Largo Antica Corte - Angolo Via Canali, Salerno
+39 089.337331 or +39 338.1902507
Biglietto: gratuito
Orario d'apertura
Lunedìchiuso
Martedì09.30 - 18.30
Mercoledì09.30 - 18.30
Giovedì09.30 - 18.30
Venerdì09.30 - 18.30
Sabato09.30 - 18.30
Domenica09.30 - 18.30

Su questo sito web è attivo l'utilizzo dei cookie. Usando il nostro sito accetti la nostra policy e dai il consenso all'utilizzo dei cookie.